Milano, 27 luglio 2012 – "4 You": Confconsumatori vince anche in appello . Con una recentissima pronuncia la Corte d’Appello di Milano ha confermato la sentenza di primo grado del 2009 con cui il Tribunale di Milano aveva dichiarato la risoluzione del contratto "4 You", definito "strumento finanziario complesso" dalla Cassazione a febbraio 2012, e ormai ritirato dal mercato da tempo. Il contratto è stato annullato per  violazione dei doveri informativi della banca negoziatrice nei confronti dell’investitore, doveri discendenti dalla stipulazione con l’investitore del precedente contratto quadro.

Spiega l’avvocato di Confconsumatori Milano, Martino Bianchi, che ha difeso in giudizio l’associato: “ La sentenza della Corte d’Appello di Milano, unitamente alla sentenza della Cassazione di febbraio 2012, è importante perché pone una conclusione definitiva, a favore dell’investitore, sulla vicenda del contratto "4You" e del suo omologo "MyWay" . La Corte d’Appello, rilevato che il contratto ("4You" o "MyWay") è uno strumento finanziario complesso, ha giustamente ribadito che l’informazione fornita dalla banca all’investitore si esaurisce nel contratto (formato da proposta ed accettazione contestuali), il quale risulta sia carente sul piano informativo, sia in quanto non comunicato all’investitore antecedentemente la sottoscrizione della proposta, ovvero prima della conclusione del contratto. Ne consegue che non vi è stata, secondo le disposizioni del D. lgs 58/1998 in vigore all’epoca della stipulazione del contratto, la c.d. informazione adeguata preventiva".

"I noltre,  – prosegue l’avvocato Bianchi – considerato che gli strumenti finanziari semplici, ossia le obbligazioni zero coupon e le quote di fondi azionari,  oggetto del contrattato finanziario complesso "4 You", risultano appartenere ad una classe di rischio alta e risultano negoziati in conflitto di interessi, e appare violata la normativa che impone la preventiva e specifica approvazione scritta da parte dell’investitore sia dell’acquisto inadeguato al suo profilo di rischio (o dichiarato o presunto), sia del conflitto di interessi. Ove il contratto "4 You", o il suo omologo "MyWay", fosse stato concluso senza la precedente sottoscrizione del c.d. contratto quadro di cui all’art. 23 TUF, ne consegue la nullità di tutta l’operazione. A questo punto tutti coloro che hanno sottoscritto il contratto "4 You" o il contratto "MyWay" possono chiedere la restituzione delle rate pagate, oltre interessi legali ”.

Scarica la sentenza cliccando QUI .