Parma, 21 novembre 2015 – Ripartire dai cittadini per gestire meglio il denaro e battere la crisi. Si è svolto venerdì 20 novembre nel Cinema Teatro Edison di Parma l’incontro “Cittadini, denaro e sostenibilità: verso una nuova cittadinanza economica” organizzato da Confconsumatori e Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio e con il Patrocinio del Comune di Parma. L’iniziativa era articolata in due diversi momenti: una rappresentazione teatrale e una tavola rotonda con esperti di economia, legalità e stili di consumo. <L’educazione finanziaria – ha ricordato introducendo lo spettacolo Mara Colla, presidente di Confconsumatori – da materia per “addetti ai lavori” è divenuta una competenza di base, necessaria a ognuno di noi tanto quanto l’educazione alimentare o l’educazione civica. In altri Paesi i giovani vengono già educati a gestire il denaro e anche da noi, in Italia, occorre acquisire la stessa dimestichezza con gli strumenti finanziari per preservare e valorizzare i propri risparmi, soprattutto alla luce dei tragici casi di “risparmio tradito” che come associazione abbiamo affrontato>.

Il tema dell’uso consapevole del denaro è stato proposto attraverso una modalità divulgativa leggera, divertente e originale con lo spettacolo teatrale “Econosofia”, messo in scena dalla Compagnia GenoveseBeltramo. I personaggi Aldo, Barbara e Charlie hanno fatto sorridere e al contempo hanno saputo coinvolgere i tanti cittadini presenti in una riflessione sul nostro tempo, incarnando sentimenti, speranze e timori collettivi di un Paese che per lungo tempo ha volto lo sguardo altrove.

Al termine dello spettacolo, dopo il saluto della vicesindaco Nicoletta Paci, si è animato un vivace dibattito, moderato dal giornalista Francesco Silva durante il quale sono intervenuti: Mara Colla, Presidente di Confconsumatori; Luca Baj, componente dell’ufficio legale nazionale di Confconsumatori; Marco Dell’Otti, Responsabile Direzione Territoriale di Parma di Cariparma; Giovanna Boggio Robutti, Direttore Generale della Fondazione per l’Educazione finanziaria e al Risparmio e Alessio Mennecozzi, del Barilla Center For Food & Nutrition. Dal “bail in” alla sospensione dei mutui, passando per gli scandali finanziari, l’affidabilità degli investimenti e i promotori indipendenti che tardano ad arrivare in Italia: tantissimi i temi toccati nel dibattito che ha spaziato tra economia, legalità, stili di consumo e riduzione dello spreco (ogni anno le famiglie italiane buttano nel cestino 400 euro di spesa alimentare). La crisi ha reso ancora più evidente la diffusa inadeguatezza nell’assumere scelte economiche, sia tra i giovani che tra gli adulti. <Se c’è un modo per uscire dalla crisi quello è il dialogo – hanno convenuto i relatori – occorre che cittadini, banche, associazioni, Istituzioni e scuole lavorino insieme per costruire una reale cultura economica che renda i cittadini consapevoli e responsabili nella gestione del proprio portafoglio>.

Vedi altre foto della sera sulla Pagina di Facebook di Confconsumatori Nazionale.