Brindisi, 1° giugno 2020 – Arriva dal Tribunale di Brindisi la svolta nell’annoso contenzioso riguardante la vendita delle azioni Veneto Banca. Il 26 maggio 2020, infatti, il Tribunale ha emanato quella che, a quanto consta, costituisce la prima sentenza in Italia con la quale non solo è stata dichiarata la risoluzione dei contratti di acquisto dei titoli Veneto Banca ma l’Istituto di credito che ha venduto detti titoli, nella fattispecie  Banca Apulia (successivamente incorporata per fusione ad Intesa San Paolo s.p.a.) è stata condannata al risarcimento del danno in favore del risparmiatore di quasi 82 mila euro oltre interessi.

«Si tratta di una sentenza storica – ha affermato l’Avvocato Emilio Graziuso,  Responsabile del Coordinamento Confconsumatori che ha difeso nel processo civile il risparmiatore tradito – destinata a fare giurisprudenza, la quale costituirà, indubbiamente, un precedente utile a tutto il popolo dei risparmiatori coinvolti nella vicenda Veneto Banca. Abbiamo infatti ottenuto il riconoscimento integrale della nostra linea difensiva».

Dopo le pronunzie favorevoli dell’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF),  è finalmente giunta una sentenza, come tale immediatamente esecutiva ed in base alla quale, quindi, dovranno essere restituite al risparmiatore le somme dallo stesso investite.

L’inizio della vicenda risale al periodo compreso tra il 10 giugno 2010 ed il 30 giugno 2013: il consumatore  aveva acquistato presso l’allora Banca Apulia, della quale era cliente, azioni della Veneto Banca prospettati, a quanto sostenuto in giudizio dal risparmiatore, come titoli sicuri e senza rischio alcuno per il capitale. Solo successivamente, a seguito delle note vicende di cronaca che hanno coinvolto la Veneto Banca, il risparmiatore si è reso conto della natura, dei rischi e della pericolosità dell’investimento posto in essere e che, pertanto, il valore delle azioni in suo possesso era pressoché  azzerato.

Vani sono stati i tentativi di arrivare ad un componimento bonario della controversia, così nel 2017 il risparmiatore, assistito dall’Avvocato Emilio Graziuso, ha promosso il processo conclusosi vittoriosamente con la sentenza del 26 maggio 2020. Con essa, il Tribunale di Brindisi ha riconosciuto la violazione da parte della Banca intermediaria della normativa di settore ed in particolare degli obblighi di informazione sulla stessa gravanti con conseguente diritto al risarcimento del danno di quasi 82 mila euro, oltre interessi, per responsabilità da contatto sociale.

«Il riconoscimento – ha commentato l’Avvocato Graziusoper la prima volta, a quanto consta, in sede giudiziale della violazione degli obblighi informativi e della responsabilità della Banca per la vendita delle azioni Veneto Banca con conseguente diritto al risparmiatore al risarcimento integrale del danno patito, è motivo di grande soddisfazione ed entusiasmo per la nostra Associazione. Siamo impegnati, infatti, da quasi venti anni nella tutela dei risparmiatori coinvolti nelle tristi vicende di risparmio tradito dallo scandalo della allora Banca 121 alla vendita di titoli Parmalat, Cirio, Cerruti, Argentina, Giacomelli, ed ora nelle controversie riguardanti i risparmiatori della Veneto Banca e della Banca Popolare di Bari. La nostra speranza è che le ormai numerosissime vittorie ottenute in materia a livello giudiziale, sull’intero territorio nazionale, portino ad una riforma della normativa di settore che ponga al centro la tutela effettiva del risparmiatore affinché vicende economiche, come quelle in esame, non si trasformino in veri e propri drammi familiari e personali».