Grosseto, 31 gennaio 2023 – Lo sportello Confconsumatori di Grosseto fa registrare una decisa crescita dell’attività e si pone sempre più come un punto di riferimento per tutelare i diritti dei cittadini-utenti, che scelgono l’associazione non solo per la consulenza e i reclami in merito a un disservizio ma si affidano a Confconsumatori anche per l’intero iter della procedura necessaria a vedersi riconosciute le proprie legittime aspettative. È quanto emerge dal bilancio annuale 2023 dello sportello provinciale grossetano, illustrato dal presidente nazionale di Confconsumatori, Marco Festelli.

I numeri: su un totale di 1.745 contatti – in gran parte allo sportello (1.149), ma anche via mail (364) e telefono (232) – nel 2023 lo sportello provinciale grossetano ha registrato 1.306 consulenze effettive (in netta crescita rispetto alle 1.006 del 2022), in particolare in materia di banche, servizi finanziari e buoni fruttiferi postali (374), luce, acqua e gas (234), telefonia e tv (190), pubblica amministrazione (149), commercio e garanzie (134), casa e affitti (79), assicurazioni (68), turismo (28), trasporti (22), servizi postali (10) e informazioni sull’attività di Confconsumatori. Una tendenza generalmente in linea con il 2022, quando lo sportello provinciale era stato consultato prevalentemente in materia di banche e servizi finanziari (209), energia e altre utenze (209), telefonia (167), pubblica amministrazione e tributi (86), commercio e garanzie (73), assicurazioni (55), casa e affitto (34), turismo (34), trasporti (28), servizi alla salute (22) e alimentazione (4). In evidenza da parte dei cittadini la crescita delle richieste di tutela in materia di banche, assicurazioni, energia e pubblica amministrazione per le cartelle esattoriali.

«Nel corso del 2023 – dichiara il presidente nazionale di Confconsumatori, Marco Festelli – l’attività dello sportello provinciale grossetano è cresciuta molto e si è adattata alle richieste degli utenti. Registriamo un netto incremento delle consulenze, segno evidente che i cittadini si rivolgono a Confconsumatori prima di intraprendere iniziative a tutela dei loro diritti, e gran parte di questi si affidano poi all’associazione per le procedure successive. L’aumento del dato relativo alle conciliazioni e alle procedure di risoluzione alternative “Adr”, dalle 127 del 2022 alle 229 del 2023, evidenzia infatti che l’attività di Confconsumatori non si limita alla semplice consulenza o all’inoltro dei reclami e dei solleciti, ma continua seguendo le varie modalità di risoluzione delle controversie, sempre a fianco dei cittadini-utenti. È un concreto segnale di fiducia nelle competenze offerte dall’associazione».

Nel 2023 si registrano 815 reclami per conto di altrettanti consumatori (in linea con gli 810 del 2022), in materia di banche, servizi finanziari e buoni fruttiferi postali (273), utenze dell’energia elettrica, acqua e gas (135), telefonia e tv (125), pubblica amministrazione (77), commercio e garanzie (68), assicurazioni (46), casa e affitto (41).

Successivamente al reclamo le questioni sono state sottoposte a mediazione (31), esposto all’autorità di garanzia competente in materia (10) e negoziazione assistita (9) e talvolta sono approdate nei tribunali (46 cause). Tra le procedure di risoluzione alternative (nel complesso 229 comprese le 46 mediazioni) si registrano 133 casi in materia di telecomunicazioni, 27 nei trasporti, 26 all’Arbitro bancario finanziario, 17 all’Arera-Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, 13 tramite Conciliaweb.

In forte aumento le questioni bancarie, soprattutto per quanto riguarda le truffe bancarie online e i tanti “Npl” (i crediti deteriorati) che le società di cartolarizzazione hanno tentato di esigere e i reclami assicurativi dovuti al caso Eurovita, nonché i reclami per i servizi energetici dovuti a incrementi tariffari e le tante difficoltà delle famiglie di onorare bollette sempre troppo pesanti.

«Il 2023 – ricorda ancora il presidente Festelli – ha segnato anche l’inizio dell’attività dello sportello di Grosseto come “Punto digitale facile” previsto dal progetto “Digitalmentis” della Regione Toscana: un servizio che prevede l’assistenza gratuita per gli over 65 che devono compiere operazioni online, legate all’uso della rete, come l’utilizzo dello Spid o della carta d’identità elettronica».

Lo sportello di Grosseto ha sede in via della Prefettura 3 (telefono: 0564 417849; mail: grosseto@confconsumatori.it) ed è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19, il martedì e il giovedì mattina anche dalle ore 9 alle ore 12. Lo sportello è aperto anche il lunedì e il venerdì mattina dalle ore 9 alle ore 12 solo come punto di “facilitazione digitale”.