Parma, 8 marzo 2024 – Nel giugno del 1976, un gruppo di agguerrite donne parmigiane convinse tantissime altre donne in tutta Italia a rinunciare all’acquisto di Parmigiano Reggiano per boicottare la speculazione incontrollata che aveva fatto lievitare il prezzo del formaggio da 6 a 16mila lire al chilo.

La loro determinazione e il supporto dei giornali locali, nazionali e internazionali (persino il Time!) portarono a importanti risultati: snidare il cartello di alcuni grossisti, costretti a capitolare molto prima dell’esistenza delle leggi Antitrust, provocando così la fortissima riduzione del prezzo del formaggio e la conseguente consapevolezza nei consumatori della potenzialità e dell’efficacia di un movimento organizzato di rappresentanza.
Lo “sciopero rosa del Parmigiano” fu il primo organizzato da consumatori in Italia. È così che, dal basso e con questo spirito, è nata la Confederazione Generale dei Consumatori, oggi Confconsumatori.

L’Associazione conta tanti presidi e sportelli territoriali in tutta Italia, compreso uno Sportello online. E, come quasi cinquant’anni fa, le donne e gli uomini di Confconsumatori rappresentano tutt’ora un baluardo quotidiano per la tutela dei diritti del cittadino-consumatore. Essere soci di Confconsumatori APS (Associazione di Promozione Sociale) significa dunque avere compiuto un atto di responsabilità e di profonda condivisione della Mission statutaria.

Sono il sostegno e la partecipazione di persone come Te che permetteranno a Confconsumatori, anche in futuro, di ottenere ulteriori grandi risultati nella difesa dei diritti dell’intera comunità.

Buon 8 marzo a tutte le donne da Confconsumatori.