Bari, 2 luglio 2013 – Il primo round è andato ai tifosi. Il Giudice Valeria Spagnoletti del Tribunale Penale di Bari, con un provvedimento emesso nei giorni scorsi, ha ammesso la costituzione di parte civile della Confconsumatori nazionale e del gruppo di tifosi , assistiti dai legali dell’associazione.

« I difensori degli imputati – racconta Antonio Pinto, Presidente di Confconsumatori Puglia – si erano opposti alla costituzione di parte civile e avevano chiesto che il processo fosse spostato a Lecce. Il Pubblico Ministero Ciro Angellilis, però, ha smontato le richieste di incompetenza territoriale, sottolineando, carte alla mano, talune omissioni nella ricostruzione dei fatti presentata dagli imputati. Così il Tribunale gli ha dato ragione e ora il processo per l'accusa di frode sportiva può finalmente iniziare a Bari ».

Durante il processo, Confconsumatori e il gruppo di tifosi, insieme ai legali avvocati Barnaba e Loizzo, faranno di tutto per contribuire ad ottenere sia un risarcimento dei danni patrimoniali a carico degli imputati, per i costi del biglietto o dell'abbonamento, sia per il danno morale subito, richiesto in 500 euro per ciascun abbonato.