Parma, 31 marzo 2015 – In viaggio in 10 città d'Italia per presentare la guida "I diritti dei consumatori online" e per promuovere un utilizzo consapevole e intelligente del web tra i cittadini. Destinatari dei 10 incontri aperti al pubblico sono, in particolare, operatori e volontari che si occupano delle cosiddette "fasce deboli" (stranieri, anziani, donne e minori), che per limiti di lingua, istruzione, consuetudine o età sono spesso escluse dalle risorse del mondo digitale. Nel mese di marzo Confconsumatori ha dato via al "tour" del progetto “Consumatori 2.0 – Radicamento e interattività”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato dalle associazioni dei consumatori: Movimento Difesa del Cittadino, Assoutenti, Codacons, Confconsumatori e Unione Nazionale Consumatori.

Gli incontri si propongono di illustrare i numerosi vantaggi del web, offrendo utili consigli su come limitare gli inevitabili rischi della navigazione virtuale. Lo scopo ultimo è quello di combattere il “digital divide” geografico e sociale che inchioda l’Italia in coda alla classifica europea per l’accesso a internet (vedi sotto). Ecco tutte le date degli incontri nelle città degli sportelli “2.0” .

CITTA'

DOVE

DATA

ORA

CONTATTI

PARMA

Auditorium Parma Lirica, via Gorizia 2

13 marzo

17,00

parma@confconsumatori.it

SALERNO

Convento dei Cappuccini, piazza San Francesco 33

21 marzo

18,00

confconsumatorisa@libero.it

CAMPI BISENZIO (FI)

Auditorium Gianni Rodari, via Garcia Lorca 15

10 aprile

09,00

confconsumatori.fipopt@gmail.com

FOLIGNO

Sala Aristotele Hotel Le Mura, via Mentana 4

11 aprile

11,00

confconsumatoriumbri@libero.it

CAMPOBASSO

UMoTETeL, via Milano n. 2/B

15 aprile

17,00

confconsumatori.molise@tin.it

TORINO

Sala Colonne del Comune di Torino, Piazza Palazzo di Città

22 aprile

18,00

confconstorino@yahoo.it

GIOIA TAURO (RC)

Auditorium “F.Severi/Guerrisi” Via Galluppi, 1

24 aprile

10,00

confconsumatori_rc@hotmail.it

MILANO

Casa dei diritti del Comune, Via de Amicis, 10

28 aprile

10,00

milano@confconsumatori.it

ACICASTELLO (CT)

Sede Confconsumatori Via IV Novembre, n. 3

28 aprile

17,30

confconsumatoriacicastello@gmail.com

SAVONA

Sala Rossa del Comune di Savona, Corso Italia n. 19

29 aprile

15,30

conf.savona@gmail.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • E-commerce, sicurezza e privacy, digitalizzazione della PA, reclami e conciliazioni online: APPROFONDISCI, scopri tutti i contenuti della guida e molto di più sul sito www.confconsumatori.it/duepuntozero.
  • Hai un problema che riguarda internet? Vuoi collaborare con noi? SCRIVICI all’e-mail duepuntozero@confconsumatori.it o contatta uno degli sportelli “2.0”.
  • Segui le FOTO degli incontri sulla nostra pagina di Facebook cliccando QUI.

INTERNET IN ITALIA: I DATI DEL DIVARIO DIGITALE 

Secondo le indagini Eurostat un terzo degli italiani (34%) non ha mai usato internet, un dato che posiziona il Paese in fondo alla classifica europea in tema di accesso al web. Solo il 54% degli italiani dichiara di usare internet ogni giorno, a fronte di una media europea del 62%. In questo modo pochissimi sfruttano la risorsa dell’e-government: solo il 21% degli italiani dichiara di usare i servizi digitali offerti dalla pubblica amministrazione, la metà rispetto alle medie europee.

Anche la copertura e la qualità della banda larga in Italia sono da migliorare. In particolare, dalla Relazione annuale dell’Agcom emerge la necessità di superare il divario digitale (digital divide) all’interno della penisola. Secondo l’Istat internet è disponibile nel 63,3% delle famiglie del Centro-Nord e solo nel 55,1% delle famiglie del Sud e nel 54,7% delle Isole. Le regioni peggiori sono il Molise, la Calabria, la Sicilia e al nord la Liguria.

Permangono anche le differenza di età e di genere: soltanto il 12,7% delle famiglie costituite esclusivamente da over 65 è collegata da casa. Inoltre naviga il 60,2% degli uomini e solo il 49,7% delle donne. Gli stranieri sono limitati ad esempio nell’accesso ai servizi online della PA per mancanza di informazioni e problemi di lingua. E nemmeno le nuove generazioni “native digitali” si salvano: per Save the Children: ben 452 mila adolescenti italiani non hanno accesso alla Rete.