Milano, 8 settembre 2014 – Dal prossimo 15 settembre si apre nuovamente per circa un anno, anche per gli azionisti, la possibilità di presentare la domanda di accesso alla procedura gratuita di conciliazione paritetica avente a oggetto il prestito obbligazionario denominato “Convertendo 2009/2013 – 6,75%” (codice ISIN IT0004504046). Banca Popolare di Milano, ha infatti sottoscritto lo scorso 30 giugno, con diverse associazioni dei consumatori, tra cui anche Confconsumatori, un Atto Modificativo ed Integrativo del Protocollo d’Intesa relativo alla procedura di conciliazione paritetica, con cui è stata prevista la proroga dei termini per la presentazione delle domande di ammissione della Clientela retail e la possibilità di accesso alla procedura, al ricorrere di talune condizioni, anche per gli Azionisti BPM. 

CHI PUO' ADERIRE
Alla procedura di conciliazione, che rimane gratuita per tutti coloro che decideranno di avvalersene, potranno accedere: 

  • gli Azionisti BPM (persone fisiche), che abbiano esercitato, nel periodo compreso tra il 15 giugno 2009 e il 15 luglio 2009 in tutto o in parte, i diritti di opzione su obbligazioni del Convertendo loro assegnati automaticamente e/o abbiano acquistato, e successivamente esercitato, nuovi diritti di opzione su obbligazioni del Convertendo, a integrazione di quelli loro assegnati, pur non avendo essi pienamente compreso la natura e i rischi dell’investimento in titoli del Convertendo; 
  • i Clienti retail (persone fisiche) che non abbiano già aderito, con qualunque esito, alla procedura, i quali, nel periodo compreso tra il 7 settembre 2009 e il 30 dicembre 2009, abbiano sottoscritto obbligazioni del Convertendo presso una filiale delle Banche commerciali del Gruppo BPM (ossia, oltre alla Capogruppo, le ex Banca di Legnano e CR Alessandria e la Banca Popolare di Mantova); 
  • i Clienti retail (persone fisiche) che, nel periodo compreso tra il 15 giugno 2009 e il 15 luglio 2009, abbiano acquistato diritti di opzione su obbligazioni del Convertendo presso una filiale delle suddette Banche del Gruppo BPM. 

Sono comunque esclusi dalla procedura: gli investitori istituzionali e/o professionali, coloro che abbiano autonomamente sottoscritto titoli del Convertendo esclusivamente tramite Internet e gli azionisti che non siano stati destinatari di alcuna sollecitazione all’investimento da parte del personale delle Banche commerciali del Gruppo BPM. 

COME ADERIRE
I Clienti e gli Azionisti al fine di accedere alla procedura dovranno compilare un apposito MODULO DI ADESIONE e il MANDATO DI RAPPRESENTANZA a una delle associazioni dei consumatori. Il modulo di adesione compilato dovrà essere poi presentato presso una filiale delle suddette Banche commerciali del Gruppo BPM, oppure inviato con lettera raccomandata alla Segreteria Tecnica Convertendo (Banca Popolare di Milano, Galleria De Cristoforis, n. 7/8, 20121 Milano), oppure ancora per il tramite, o con l’assistenza, di una Associazione dei Consumatori, a scelta del Cliente o dell’Azionista. A tal fine, il suddetto modulo riporterà la lista completa delle Associazioni firmatarie o aderenti all’Atto Modificativo ed Integrativo, tra le quali il Cliente o l’Azionista potranno liberamente scegliere quella cui farsi assistere, senza alcun onere economico o vincolo a carico degli stessi. 
Le domande di accesso alla procedura di conciliazione potranno essere presentate a partire dal 15 settembre 2014 e fino al 30 settembre 2015

LA PROCEDURA DI CONCILIAZIONE
La trattazione di ciascuna posizione al fine di valutare l'ammissibilità della domanda e, in caso positivo, la sussistenza o meno dei presupposti di risarcibilità e i termini dell’eventuale conciliazione, avverrà, di regola, entro 90 giorni dal ricevimento, da parte della Segreteria Tecnica Convertendo, della domanda del Cliente o dell’Azionista. Un’apposita Commissione di Conciliazione (composta pariteticamente da un esponente della BPM e da uno dell’Associazione dei Consumatori indicata dal cliente nel modulo di adesione) procederà poi all'analisi dei singoli casi e, ove i conciliatori ne verifichino concordemente i presupposti, formulerà al Cliente o all’Azionista una proposta di conciliazione. In caso di accettazione della proposta, il pagamento della somma pattuita è previsto entro trenta giorni lavorativi dalla data di ricevimento della suddetta accettazione da parte della Segreteria Tecnica Convertendo. Ove la proposta non dovesse invece essere accettata, il Cliente o l’Azionista riprenderà piena libertà di adottare tutte le iniziative che riterrà più opportune. 
Al fine di determinare la percentuale dell'eventuale rimborso, la posizione del Cliente o dell’Azionista sarà ricondotta dalla Commissione a una delle tre categorie previste dall’Atto Modificativo ed Integrativo, che prevedono differenti misure di rimborso della perdita: quest’ultima rimane quantificata – in via forfetaria e standardizzata – nel 65% del valore nominale delle obbligazioni sottoscritte (anche per tramite dell’esercizio dei diritti di opzione). Di seguito le tre categorie: 
– Categoria A: rimborso massimo sino al 100% della perdita forfettaria (i.e. 65% del valore nominale delle obbligazioni sottoscritte); 
– Categoria B: rimborso massimo sino al 60% della perdita forfettaria (i.e. 65% del valore nominale delle obbligazioni sottoscritte) per i Clienti e sino al 50% della perdita forfettaria (i.e. 65% del valore nominale delle obbligazioni sottoscritte) per gli Azionisti; 
– Categoria C: nessun rimborso. 
Infine, si fa presente che il testo integrale dell’Atto Modificativo ed Integrativo sottoscritto, a cui si rinvia per maggiori informazioni, sarà pubblicato, nei prossimi giorni, sui siti internet delle Banche commerciali del Gruppo e su quelli della Associazioni dei consumatori firmatarie ed aderenti. 
Quanto all'onere economico aggiuntivo a carico della Banca derivante dalla suddetta proroga ed estensione della Procedura Conciliativa, si ritiene che esso – sebbene misurabile in via definitiva solo alla conclusione della stessa – trovi copertura nell'importo residuo del fondo già accantonato nel bilancio al 31 dicembre 2013

SCARICA IL MODULO DI ADESIONE E IL MANDATO DI RAPPRESENTANZA ALLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI. 

Per approfondire clicca QUI.