Parma, 5 dicembre 2023 – Tante famiglie si domandano come far fruttare i propri risparmi ma hanno il timore di imbattersi, soprattutto nell’attuale contesto economico, in investimenti sbagliati e inadatti a rispondere alle proprie esigenze. Con l’obiettivo di fornire strumenti utili per migliorare la educazione finanziaria delle persone, Confconsumatori organizza a Parma l’incontro “Cultura finanziaria e valorizzazione dei risparmi, conoscere per investire consapevolmente”. L’evento, gratuito e aperto alla cittadinanza, si terrà il prossimo giovedì 7 dicembre presso il circolo Famija Pramzana, in viale Vittoria 6, a partire dalle ore 16.

INVESTIRE SICURI

All’incontro del prossimo giovedì, dopo i saluti della presidente onoraria di Confconsumatori Mara Colla, interverranno il prof. Giulio Tagliavini, docente di Economia degli intermediari finanziari Università di Parma, e il notaio Antonio Caputo, membro del Consiglio Notarile di Parma.

Il prof. Tagliavini affronterà il tema degli investimenti sicuri – tra beni rifugio, titoli di Stato e prodotti bancari –, tenendo in considerazione la complessa situazione economica che stiamo attraversando. Con il notaio Caputo, invece, si parlerà del “Notaio istituzione pubblica, consigliere di prossimità a portata di tutti”. Il notaio, infatti, è spesso tra i primi confidenti dei consumatori quando si tratta di discutere delle ripercussioni a medio e lungo termine di un investimento e delle prospettive a esso correlate, che coinvolgono non solo chi investe, ma anche le persone a lui vicine, come i propri cari.

Scarica la locandina

IL PROGETTO

L’evento è organizzato dell’ambito del progetto “Scegli consapevole, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e promosso da Confconsumatori insieme alle associazioni Codici Emilia-Romagna, Acu Emilia-Romagna, Assoutenti Emilia-Romagna APS, U.di.con Emilia-Romagna e UNC Emilia-Romagna. “Scegli consapevole”, nel corso del 2023, ha portato sul territorio regionale diverse attività volte ad aumentare e consolidare la consapevolezza dei consumatori rispetto alla gestione responsabile del denaro.