Modena, 7 novembre 2022 – Questa mattina è stato consegnato al Prefetto di Modena, Alessandra Camporota, l’appello redatto da otto associazioni modenesi, tra cui Confconsumatori, nel quale si chiede al Governo di adottare un provvedimento urgente che blocchi per almeno sei mesi i distacchi di gas ed energia elettrica per morosità incolpevole. All’appello hanno aderito il Vescovo di Modena, quattro Parlamentari del territorio, il Presidente della Provincia, trentacinque Sindaci, tra i quali il Sindaco di Modena, oltre a diverse Giunte comunali. Hanno aderito inoltre i Segretari generali di CGIL, CISL e UIL.

I promotori dell’Appello hanno espresso al Prefetto di Modena la forte preoccupazione per l’aggravamento generale della condizione economica nel Paese e nella Provincia; una condizione che potrebbe portare migliaia di famiglie e cittadini del nostro territorio a non riuscire a saldare le bollette di gas e luce, enormemente cresciute. La richiesta di blocco dei distacchi è quindi in questa fase un tema prioritario, a parere dei promotori dell’Appello, al quale dovranno però seguire altre incisive azioni, finalizzate a ridurre il peso della crisi economica su cittadini e famiglie. Le otto associazioni hanno quindi chiesto al Prefetto di trasmettere l’Appello alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il Prefetto di Modena, associandosi alle preoccupazioni dei proponenti, ha voluto approfondire le problematiche più frequenti in questa fase, richiedendo nel contempo ai presenti valutazioni sulle possibili evoluzioni nei prossimi mesi.


L’appello

È NECESSARIO IL BLOCCO IMMEDIATO DEI DISTACCHI DI ENERGIA

Non possiamo attendere ancora.

In Italia e a Modena la condizione delle famiglie, dei cittadini e delle imprese è in costante e rapido peggioramento. Cresce l’inflazione a livelli che non si vedevano da quarant’anni, crescono i prezzi dei beni di prima necessità, crescono a dismisura i costi del gas e dell’energia elettrica. Mentre i redditi sono fermi o arretrano, anche a seguito del ricorso agli ammortizzatori sociali, il costo delle bollette diventa insostenibile per tanti cittadini.

Siamo dentro una tempesta che potrebbe durare molto tempo, dagli esiti imprevedibili.

Il precipitare di sempre più famiglie in una condizione di povertà energetica, avrà nel tempo effetti drammatici sulla salute delle persone, sull’istruzione, sull’alimentazione, sulla qualità della vita. In tanti potrebbero non rialzarsi più. I rischi di tenuta sociale sono sotto gli occhi di tutti; mentre crescono angosce e tensioni, si evidenzia l’insufficienza delle iniziative già adottate.
Non possiamo attendere ancora.

Le cose da fare sono tante, ma una tra tutte emerge come indispensabile e urgente.

È necessario bloccare per un tempo sufficiente i distacchi, impedendo che tante famiglie, che tanti cittadini e cittadine, si trovino ad affrontare l’inverno privi di riscaldamento e di energia elettrica.

I sottoscritti chiedono al Governo di adottare un provvedimento urgente che blocchi almeno per sei mesi i distacchi  di gas ed energia elettrica per morosità incolpevole, a partire dalle fasce di utenti maggiormente vulnerabili, senza applicazione di more e favorendo lunghe rateizzazioni alla ripresa dei pagamenti.

Non possiamo attendere ancora, ne va del nostro futuro!

Adiconsum, Adoc, Cittadinanza Attiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Acli, Arci di Modena