Parma, 5 luglio 2019 – Continuano le telefonate scorrette, per indurre i consumatori a cambiare contratto o operatore con informazioni parziali se non del tutto scorrette, approfittando della diffusa impreparazione sul tema. Tra esattamente un anno sarà completo il passaggio al Mercato Libero dell’Energia, ma sono ancora tanti i consumatori che non hanno le idee chiare e che sono chiamati a informarsi. Confconsumatori Parma ha attivato da diversi anni lo sportello “Energia: diritti a viva voce” per fornire assistenza e informazioni.

LE TELEFONATE SCORRETTE – Già dal 2017 Confconsumatori aveva reso noti i contenuti di alcune telefonate scorrette (rivedi qualche esempio qui: https://www.confconsumatori.it/energia-difendersi-dalle-telefonate-scorrette/). Da allora la situazione non sembra migliorata, continuano le segnalazioni da parte di cittadini confusi dalle informazioni dei Call center e persino la responsabile dello sportello di Confconsumatori, Francesca Campanini, ha ricevuto un esempio di proposta scorretta.

«Il call center mi ha chiamata per informarmi della chiusura del “Mercato di Stato” (storpiatura per Mercato Tutelato) nel 2020, – racconta Francesca – poi hanno aggiunto che se non si passa al Mercato Libero entro luglio si subirà comunque un aumento del 15% (informazione priva di alcun fondamento e totalmente fuorviante). Per convincermi dell’attendibilità delle affermazioni mi hanno invitata a verificare sul sito dell’Autorità Arera».

In questo caso l’operatore si è scontrato con un consumatore ben informato e, alla fine della telefonata, si è addirittura scusato con l’esperta. Tuttavia in quanti altri casi i consumatori non sanno distinguere tra informazioni vere e scorrette?

«Il passaggio al Mercato Libero – commenta l’avvocato Franco Conte, responsabile Energia & Utenze per Confconsumatori – per molti è già iniziato inconsapevolmente, proprio perché si sono affidati in buona fede alle parole di un call center. Quest’anno che abbiamo a disposizione prima del luglio 2020 deve essere un’occasione per tutti di cambiare atteggiamento e diventare consumatori attivi e consapevoli, in grado di scegliere in autonomia il contratto più adatto alle nostre esigenze e più conveniente. Confconsumatori sarà a disposizione di chi vorrà impegnarsi in questo senso».

CONSIGLI E APPROFONDIMENTI – Confconsumatori ha organizzato e continuerà a organizzare incontri territoriali per ricordare che è ancora possibile fino al luglio 2020 sottoscrivere contratti sia nel Mercato Tutelato (condizioni contrattuali fissate dall’Autorità) sia nel Mercato Libero (condizioni legate all’offerta) e che per cambiare contratto o fornitore è necessario anzitutto conoscere i propri consumi, interpretando la bolletta. Ci sono, poi strumenti utili come il Portale Offerte messi a disposizione dall’Autorità per consentire il confronto tra diverse offerte sul Mercato.

Per avere informazioni e assistenza è possibile rivolgersi allo sportello “Energia: diritti a viva voce” di Confconsumatori o gli sportelli territoriali dell’associazione.


MERCATO TUTELATO E MERCATO LIBERO: COSA CAMBIA?

Essere nel Mercato Tutelato significa avere un contratto di sola fornitura luce o gas, con condizioni contrattuali fissate dall’Autorità Arera, il cui prezzo varia trimestralmente in base al costo dell’energia acquistata dall’Acquirente Unico.

Il Mercato Libero, invece, consente la sottoscrizione di differenti offerte con una scadenza prestabilita. Il prezzo è fissato dall’offerta come pure eventuali sconti o la fornitura di ulteriori servizi (come la pulitura della caldaia). Allo scadere dell’offerta, la stessa deve essere riformulata.

QUANDO FINIRA’ IL MERCATO TUTELATO?

Tra un anno esatto, come indicato dall’emendamento al decreto Milleproroghe n. 91/2018, il 1° luglio 2020 avrà il via lo stop definitivo al regime di maggior tutela. La libera circolazione di merci e capitali all’interno dell’Europa comporta anche la liberalizzazione totale dell’energia. Ogni utente ha così la possibilità di scegliere il miglior contratto per se, e seguire le proprie esigenze (http://www.europarl.europa.eu/factsheets/it/sheet/45/mercato-interno-dell-energia).

FINO A LUGLIO 2020 POSSO RESTARE NEL MERCATO TUTELATO?

Sì, al momento sono sottoscrivibili contratti in entrambi i mercati (Libero o Tutelato) e non c’è alcun obbligo di cambiare né rischi di aumenti in bolletta; ma dal 1° luglio del 2020 tutti noi dovremo passare al Mercato Libero e, quindi, chi non si è ancora informato, dovrà cominciare a guardarsi intorno.

COSA SUCCEDE SE A LUGLIO 2020 SARO’ ANCORA NEL MERCATO TUTELATO?

Se al primo luglio 2020 l’utente non ha provveduto all’attivazione di un contratto nel Mercato Libero, questo passaggio sarà gestito in automatico. Per garantire continuità al servizio, infatti, verranno indetti bandi su base regionale per individuare dei fornitori “salvagente” cui assegnare le utenze che non hanno scelto un contratto nel Mercato Libero. Impossibile conoscere al momento le condizioni dei contratti assegnati automaticamente, ma i meccanismi del bando saranno simili a quelli adottati per i fornitori di ultima istanza per per il gas, quindi non nell’immediato ma sul lungo termine potrebbero essere applicati parametri aggiuntivi che si tradurrebbero in costi maggiori. Il consiglio, quindi è di scegliere in autonomia un contratto, senza fretta ma senza neppure “dormirci su”.

CON TUTTE QUESTE TELEFONATE COME FACCIO A SCEGLIERE UN CONTRATTO?

Esiste uno strumento on line e completamente gratuito che possiamo utilizzare per cercare il contratto del Mercato Libero che più si avvicina alle nostre esigenze: il Portale Offerte luce gas https://www.prezzoenergia.it/portaleOfferte/. Si tratta di un Portale per la raccolta e la pubblicazione di tutte le offerte presenti sul mercato di vendita al dettaglio elettrico e gas naturale, dove i consumatori possono confrontare e scegliere in modo semplice, chiaro e gratuito le offerte di elettricità e gas. Il Portale offerte mette a disposizione un motore di ricerca di semplice utilizzo e offre una serie di informazioni utili sui mercati dell’energia elettrica e del gas e sulle novità di legge previste. Dal 1° luglio 2018, sono consultabili tutte le offerte PLACET (Prezzo libero a condizioni equiparate di tutela), che sono offerte con prezzo libero ma condizioni contrattuali definite dell’ARERA. Da settembre, saranno presenti le offerte oggi disponibili nell’attuale “Trova offerte” dell’Autorità e da dicembre tutte le offerte del mercato libero.

DOVE TROVO UN AIUTO PERSONALIZZATO?

Energia diritti a viva voce

Energia diritti a viva voce

“Energia: Diritti a viva voce!” è un progetto finanziato da Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA – ex Cassa conguaglio per il settore elettrico) su disposizione di ARERA (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente – ex AEEGSI). Ben 17 associazioni dei consumatori riconosciute a livello nazionale sono impegnate a rendere gli utenti più informati e consapevoli in materia di energia elettrica e gas. Visita il sito del progetto www.energiadirittiavivavoce.it.

Contatta lo sportello di Confconsumatori :
PARMA : 0521/230134 al mattino Lunedì e Mercoledì (9,30-13) e nei pomeriggi dal Lunedì al Venerdì (14,30-18).