Siena, 9 febbraio 2024 – Nella classifica della spesa per la bolletta dell’acqua, è la provincia di Siena a registrare il poco invidiabile primato nazionale. “Le tariffe del servizio idrico – confermano da Confconsumatori – non essendo definite a livello nazionale né regionale, risultano tra loro molto differenziate. Secondo quanto rilevato dall’Istat il consumo medio per una famiglia composta da tre persone è di 182 metri cubi d’acqua all’anno, 166 litri di acqua a testa al giorno, con una spesa media pari a 466 euro. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, Milano è tra le città meno care con una spesa pari a 163 euro; lo scenario in Toscana invece appare assai diverso e preoccupante. La provincia dove si spende meno è Massa-Carrara con 693 euro, seguita da Firenze con 742 euro, Arezzo con 746 euro e Grosseto con 806 euro. La più costosa risulta essere proprio Siena, con una spesa che raggiunge gli 810 euro“.

Come far fronte alla bolletta davvero salata? “Un problema molto serio è rappresentato dalle perdite d’acqua, che comportano un enorme spreco di risorse. Sarebbe dunque necessario – concludono da Confconsumatori – investire in un ammodernamento degli acquedotti, al fine di contrastare efficacemente la crisi idrica“.

I cittadini-consumatori che hanno necessità di informazioni e assistenza in merito alla bolletta del servizio idrico possono contattare lo sportello di Siena: la sede di via Simone Martini 37 è aperta il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 13. Telefono 0577 271100; e-mail: confconsumatori.si@libero.it.

Tutti i contatti delle sedi locali dell’associazione sono nella sezione Dove siamo.