Parma, 28 novembre 2016 – Sabato scorso Confconsumatori ha incontrato i cittadini di Parma e provincia, offrendo il proprio aiuto agli utenti alle prese con problemi legati alle forniture di luce e gas.
In questa “Giornata del consumatore illuminato”, che fa seguito ad analoghe iniziative organizzate negli ultimi cinque anni, Confconsumatori ha programmato un’apertura straordinaria al pubblico dello sportello dell’associazione (in via Mazzini 43 a Parma) durante la quale si è tenuto un incontro pubblico di formazione/informazione dei cittadini interessati: è stato affrontato il tema del mercato dell’energia elettrica e gas, destinato a numerosi cambiamenti nei prossimi anni, principalmente il mercato libero che diverrà obbligatorio a partire dal 2018.

L’obiettivo era fornire a tutti i cittadini gli strumenti e le informazioni utili per affrontare senza preoccupazioni questo delicato passaggio.
Gli operatori del progetto “Energia: Diritti a Viva Voce” * erano presenti per diffondere materiale informativo e fornire informazioni ai cittadini su conguagli, errori di fatturazione, consumi non effettuati, contratti non richiesti, truffe, ecc.

La partecipazione all’incontro è stata alta, durante la presentazione di apertura, videoproiezione di slide, sono state numerose le richieste dei partecipanti che, oltre a prendere appunti, hanno posto diversi quesiti sul tema. La curiosità su questo argomento è stata stimolata dagli operatori che, per oltre due ore, hanno cercato di dare risposte su un tema così importante ma ancora, purtroppo, poco conosciuto.

Alla fine della presentazione molti partecipanti hanno espresso il desiderio  di poter ripetere questa esperienza.
L’associazione è attiva dal 2011 sul tema energia, partecipando, promuovendo e organizzando incontri e iniziative sul tema in varie parte d’Italia.


*Energia: Diritti a Viva Voce è un progetto giunto al suo sesto anno di vita. Attraverso una rete di 26 sportelli territoriali e un sito tematico, offre informazioni e assistenza per orientare i cittadini nella giungla delle tariffe energetiche ed aiutarli a difendersi da scorrettezze, errori, truffe e raggiri di ogni tipo.
Dalla ripresa del progetto, gennaio 2016, ad oggi l’iniziativa ha registrato oltre 6000 mila contatti. Problemi legati alla fatturazione e ai comportamenti commerciali scorretti sono le principali tematiche per le quali i cittadini chiedono assistenza e consulenza. Dall’anno scorso, ai 26 sportelli finanziati dal progetto si sono aggiunti anche altri punti informativi e sportelli gestiti a titolo volontario sempre da operatori specializzati. Per ulteriori informazioni sugli sportelli e sulle tematiche del progetto visitate il sito www.energiadirittiavivavoce.it.
Le 17 associazioni aderenti al progetto “Energia: Diritti a Viva Voce” sono: Adoc, Adiconsum, Asso-Consum, Assoutenti, Casa del Consumatore, Centro Tutela Consumatori Utenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Federazione Confconsumatori – ACP, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Udicon, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori, Utenti dei Servizi Radiotelevisivi.