Molise: il Forum TPL a lavoro per la riforma del settoreSette impegni per il miglioramento concreto dei servizi di trasporto pubblico locale e regionale

print

Campobasso, 17 ottobre 2013 – Continua l'impegno del Forum del Trasporto Pubblico Locale Molise per migliorare i servizi connessi al trasporto pubblico regionale. Il Forum TPL è stato costituito da Confconsumatori, Adoc, Adiconsum, Federconsumatori e Movimento Consumatori, ma vi aderiscono anche Cgil, Cisl, Uil, Cittadinanzattiva, Codacons, Filt Ggil, L'altritalia Ambiente, Lega Consumatori, Uil Trasporti e Unione Nazionale Consumatori. « Il Forum TPL Molise – spiega l'avvocato Sonia Giacchetta, di Confconsumatori Campobasso –  propone ancora una volta  la sua piattaforma per la riforma del  trasporto pubblico, largamente coincidente con gli obiettivi generali  dei lavoratori del settore, su cui continuerà  la mobilitazione dei cittadini ed il confronto democratico con le istituzioni ed i gestori dei servizi per la riforma del settore »‚Äč.  

OBIETTIVI GENERALI DEL FORUM TPL MOLISE 
– difendere ed aggiornare il concetto di servizio universale;
– assicurare gli investimenti necessari ad ammodernare e potenziare il servizio su ferro sulle aree metropolitane;
– difendere il trasporto ferroviario regionale, attraverso forme di gestione snelle e poco costose;
salvaguardare il patrimonio infrastrutturale del nostro Paese.
– attuazione di quanto previsto dalla Legge 244 del 24/12/2007 (finanziaria 2008) all’art.2, comma 461, lettere a)-f)  in merito al ruolo delle associazioni consumatori e utenti attraverso l’istituzione degli osservatori permanenti sui servizi. 

In questi anni il TPL Molise sta continuando a lavorare per maturare alcuni obiettivi specifici molisani:

  1. un serio piano regionale dei trasporti che individui le principali linee di mobilità, centrali quelle ferroviarie, ed un sistema intermodale di collegamenti “a pettine” che permetta di contenere la spesa, evitare i tagli ed offrire più servizi ai cittadini con lo stesso impegno economico;
  2. elettrificazione della tratta molisana , con priorità al collegamento Venafro Campobasso che assicurerà il servizio nel futuro, il miglioramento dello stesso, la possibilità di rivitalizzare gli scali commerciali, fondamentali per lo sviluppo del Molise;
  3. istituzione di una direzione molisana non solo di Trenitalia ma delle anche delle altre due società del gruppo F.S. (RFI, Italfer) per il controllo e l’impiego in regione delle risorse che lo stato assegna al Molise;
  4. correzione della tratta Campobasso Termoli per renderla concorrenziale con il trasporto su gomma;
  5. riapertura della Carpinone Sulmona essenziale alla mobilità dell’alto Molise e risorsa per lo sviluppo di un turismo di qualità;
  6. nell’immediato riportare la d.c.o. nel Molise per una gestione del movimento che eviti i gravissimi ritardi;
  7. riattivazione dell’officina a Campobasso che permetta almeno la riparazione dei piccoli guasti allo scopo di poter utilizzare a pieno il materiale rotabile