Parma, 24 novembre 2022 – Si è tenuto lo scorso 22 novembre, a Matera, l’evento conclusivo di “Prosumer Road”, ciclo di incontri organizzato da Eni attorno ai temi della sostenibilità, della transizione energetica e dell’economia circolare. Mara Colla, presidente nazionale di Confconsumatori, ha preso parte all’appuntamento facendosi portavoce in particolare delle istanze di chi sta affrontando con maggiori difficoltà questo periodo di crisi energetica e inflazione da record.

Bene l’aiuto economico, ma occorre passare a interventi strutturali nel nome dell’equità e dell’uguaglianza di trattamento dei cittadini”, commenta la presidente Mara Colla. “L’uguaglianza di trattamento dei cittadini è assicurata dalla Costituzione, mentre l’equità no, è compito della Politica – continua la presidente –. L’equità ha nell’etica il “modus cogitandi” – il modo di pensare – e nella sussidiarietà il “modus operandi”, inscindibili fra loro: se manca l’etica o la sussidiarietà l’equità non si raggiunge”.

LE MISURE – Ribadendo le posizioni promosse da mesi dall’Associazione, Mara Colla ha presentato alcune proposte per favorire le fasce a basso reddito e metterle in condizione di essere parte attiva della transizione ecologica: “Per l’energia, una, forse unica strada possibile potrebbe essere l’individuazione di una tariffa speciale per le utenze fino a una certa potenza installata (per esempio 3 Kwh) con una forte premialità per la riduzione di consumi rispetto a una media calcolata su quelli pregressi. Per la mobilità più sostenibile e per il risparmio delle famiglie dovremmo incentivare il trasporto pubblico, meglio dei bonus per l’acquisto di auto elettriche, il cui vantaggio complessivo non risulta ancora ben definito. Per gli elettrodomestici una proposta fattibile potrebbe essere quella di finanziare gli Enti che gestiscono l’edilizia popolare affinché dotino le abitazioni di elettrodomestici a basso consumo. Analoga misura per i percettori di bonus energetici. E – conclude Colla – la strada maestra per ridurre consumi e spese sta nelle Comunità Energetiche”.