Rieti 26 gennaio 2021 – A seguito delle copiose ed intense intemperie che hanno colpito il Comune di Rieti e tutta la Provincia nella giornata tra il 23 ed il 25 Gennaio, che già di per sé sole hanno comportano innumerevoli disagi alla viabilità, le autorità di gestione della diga del Turano, il colosso ERG, allo scopo di accumulare più energia idroelettrica possibile, ha deciso di “spalancare le porte” alle acque del Lago del Turano, determinando, come prevedibile, l’allagamento di buona parte della Piana Reatina e zone limitrofe costringendo la chiusura di ponti e strade essenziali per l’accesso e l’uscita dalla città.

«Appare strano – afferma l’avvocato Francesca Tilli – Responsabile dello sportello di Rieti della Confconsumatori – come solo all’esito di innumerevoli ed eccezionali intemperie, pur la diga già da tempo sembrava aver raggiunto un consistente volume, siano state aperte le paratie in un momento in cui la città era già sovraccarica dalle eccessive piogge

Difatti, innumerevoli cittadini sono stati costretti ad abbandonare le proprie abitazioni in questo periodo critico, incerto e pieno di paura causato dal noto virus Covid-19, ed ospitati da parenti oppure in strutture alberghiere.

Inutile rappresentare gli ingenti danni causati alle abitazioni e alle aziende e alle stesse strade che quotidianamente vengono percorse.

Il Comune di Rieti sta provvedendo al monitoraggio della situazione attraverso la Protezione Civile invitando a contattare i numeri 0746287285 – 0746287215.

Confconsumatori si batterà, come sempre, per salvaguardare i diritti dei consumatori nonché per formulare una eventuale richiesta di risarcimento del danno causati a persone e beni. Resta attiva la nostra mail info@confconsumatoririeti.it per ricevere tutte le segnalazioni e richieste di appuntamenti.