Firenze, 28 giugno 2017 – La sede di Firenze sta assistendo diversi associati in difficoltà per il pagamento della retta del parente affetto da Alzheimer, così come diverse altre sedi di Confconsumatori sul territorio nazionale. Come noto, la Corte di Cassazione ha affermato (sentenza n. 4558 del 22 marzo 2012) che la retta per il ricovero in RSA di persone affette da Alzheimer non deve essere pagata dal paziente (né dai suoi familiari) in quanto tutte le spese per il ricovero sono a carico del Servizio sanitario nazionale (e per esso, nel caso della Toscana, sono a carico della Regione Toscana). Questo perché, nei malati di Alzheimer non è possibile distinguere tra servizio di tipo alberghiero e servizio sanitario.

Nella realtà, però, le strutture RSA addebitano al paziente una parte dei costi del ricovero, ritenendo che tali costi riguardino la cosiddetta quota alberghiera; tale prassi è stata contestata dalla Corte di Cassazione che ha affermato che per patologie gravi quali l’Alzheimer tutti i costi del ricovero assumono carattere sanitario, con la conseguenza che la relativa fruizione deve essere garantita a tutti dal servizio sanitario nazionale.

La richiesta di pagamento avanzata nei confronti del paziente è pertanto invalida e come tale non giustificata; il paziente ha quindi la possibilità di rifiutare il pagamento e, ove abbia versato somme alla struttura RSA, ha la possibilità di richiedere il rimborso di tali pagamenti.

I principi affermati dalla Corte di cassazione sono stati recentemente applicati da diversi Tribunali (vi sono state sentenze a Monza, Milano, Roma e Verona) che hanno sancito l’obbligo di pagamento del Servizio sanitario Nazionale, escludendo ogni obbligo in carico del paziente. Confconsumatori Firenze si è già schierata a fianco dei propri associati che si trovano in tale situazione o che hanno un paziente ricoverato per Alzheimer, inviando diffide; recentemente è stata anche promossa una specifica azione giudiziaria per vedere riconosciuto il diritto del paziente a non corrispondere alcuna somma per il ricovero.

Per assistenza o informazioni è possibile contattare l’associazione Confconsumatori di Firenze all’indirizzo di Via Gustavo Modena n. 23, tel 055/585564 in orario 15,30 – 18,30 od inviare una mail all’indirizzo firenze@confconsumatori.it.

Le altre sedi di Confconsumatori sono elencate nell’area DOVE SIAMO.