Parma, 27 marzo 2012 – Per i passeggeri dei treni Intercity 615, Frecciabianca 9823 e Frecciabianca 9829, che hanno subito i ritardi più consistenti durante l’eccezionale nevicata del 1° febbraio , Trenitalia, su proposta delle Associazioni dei Consumatori, si è dichiarata disponibile ad offrire un indennizzo speciale.

Ai viaggiatori di questi tre treni sarà corrisposto un risarcimento di 150 euro, che andrà ad aggiungersi al rimborso integrale del biglietto . I clienti che hanno già ottenuto l’indennizzo per ritardo dovranno allegare, al posto del titolo di viaggio, la documentazione che certifica l’avvenuto rimborso.

La richiesta, indirizzata a Trenitalia SpA – Conciliazioni (Piazza della Croce Rossa 1, Roma), dovrà essere inviata entro il 31 gennaio 2013 con raccomandata postale oppure consegnata negli uffici dell’assistenza clienti in stazione.  

Allo speciale modulo, disponibile negli uffici assistenza clienti, andrà allegato il biglietto di viaggio, oltre alla copia di un documento di identità e del codice fiscale.

Scarica il modulo cliccando QUI .


I clienti che, nel periodo dell’emergenza neve dall’ 1 al 13 Febbraio, hanno rinunciato al viaggio potranno richiedere, fino al 31 marzo 2012, il rimborso integrale del biglietto non utilizzato, con le seguenti modalità.

Per i biglietti cartacei le richieste di rimborso potranno essere avanzate presso qualsiasi biglietteria di Trenitalia o presso l’agenzia di viaggio che ha emesso il biglietto. La stessa modalità è prevista i biglietti ticketless emessi da un’agenzia di viaggio, se la richiesta è presentata prima della partenza del treno. 

Per i biglietti acquistati on-line (inclusi i biglietti con ritiro self service non ancora stampati), le richieste possono essere avanzate telefonando al Call Center 892021 (numero a pagamento) o inviando una email all’indirizzo di posta elettronica rimborsi@trenitalia.it indicando il codice PNR dei biglietti da rimborsare o allegando la ricevuta di pagamento. Allo stesso modo per i biglietti ticketless acquistati in agenzia di viaggio se la richiesta è presentata dopo la partenza del treno.

Oltre a rilasciare il rimborso totale del biglietto a chi ha deciso di non mettersi in viaggio Trenitalia concede le indennità per i ritardi , adottando un’iniziativa di attenzione commerciale che va al di là di quanto previsto dalla normativa UE.

Per i ritardi tra i 60 ed i 119 minuti si avrà diritto al 25% del prezzo del biglietto; per ritardi tra i 120 ed i 239 minuti si avrà diritto al 50%, mentre chi ha viaggiato con più di 240 minuti di ritardo riceverà un’indennità pari al 100% di quanto pagato. L’indennizzo potrà essere richiesto trascorsi 20 giorni dalla data del viaggio e fino a 12 mesi successivi, presso le biglietterie di stazione, l’agenzia di viaggio emittente o per i biglietti acquistati on line direttamente su questo sito.

[dal sito www.trenitalia.com]