Parma, 16 settembre 2005 – Innalzare gli standard europei al di sopra di quelli ICAO : ecco quanto proposto ieri dall’Enac, durante l’incontro tenutosi a Roma. "La proposta- afferma l’avvocato Carmelo Calì, rappresentante dei consumatori nel Comitato tutela diritti passeggeri Enac e responsabile di Confconsumatori Sicilia – non può che trovarci d’accordo. Infatti, anche se gli standard ICAO danno garanzia di sicurezza e vengono applicati a livello mondiale nei 180 Stati che hanno contratto la convenzione, innalzare il livello non può che costituire un positivo elemento di rassicurazione dei passeggeri". Importante poi l’impegno a stroncare il fenomeno, purtroppo sempre più frequente, di Compagnie che coprono i voli pur non possedendo la flotta necessaria, ricorrendo al noleggio degli aerei di proprietà di altre Compagnie. "L’affitto deve essere consentito – prosegue l’avvocato Calì – solo in presenza di situazioni di emergenza e comunque temporanee. Non può più accadere che i consumatori acquistino i biglietti di una compagnia scoprendo poi di volare con un’altra ". I tour operator, per parte loro, hanno assunto l’impegno di comunicare ai consumatori a quali Compagnie appartengono gli aerei su cui viaggeranno. L’associazione prende atto con soddisfazione, inoltre, dell’annunciata "tolleranza zero" nei confronti delle Compagnie che non rispetteranno i diritti dei passeggeri , come è più volte avvenuto quest’estate con ritardi, mancata informazione, mancata assistenza, etc… "Ci auguriamo che dalle parole si passi ai fatti – conclude l’avvocato Calì – e proponiamo di istituire in ogni aeroporto uno "sportello del viaggiatore" che possa prestare agli utenti tutta l’immediata e necessaria assistenza che normalmente manca, come emerge dalle moltissime segnalazioni di disservizio che pervengono agli sportelli dell’Associazione".