Parma, 22 novembre 2010 – La promozione di Trenitalia che consente di prenotare con anticipo una corsa ad alta velocità con tariffa scontata è valida solo sulla carta, almeno per quanto riguarda il mese di dicembre. Infatti su segnalazione di alcuni consumatori, è stato verificato un problema nella prenotazione di tutti i treni a lunga percorrenza ad alta velocita’ (Eurostar, Intercity, Frecciarossa…). La causa del disservizio sarebbe il cambio orario previsto per il giorno 12 dicembre 2010 , in quanto Trenitalia non ha ancora inserito nel programma computerizzato i treni con offerta dei posti a tariffa scontata ed agevolata, che possono essere acquistati dalla clientela con 30 giorni di anticipo.

" Si sta determinando – commenta Enzo Benda, responsabile Confconsumatori dei rapporti con Trenitalia –   una situazione molto confusa sia per gli operatori del front-line Trenitalia, sia per i clienti che, almeno fino alla settimana scorsa, hanno lamentato gravi inadempienze, visto che i posti messi a disposizione da Trenitalia sono limitati e questo ritardo vanifica una parte di tale disponibilità. Confconsumatori ha gia’ protestato per questa mancanza e continuerà a farlo nelle sedi dovute pretendendo il rispetto di quanto concordato e pubblicizzato da Trenitalia e invocando il recupero dei giorni in cui non e’ stato possibile effettuare le prenotazioni ".

Procedono intanto le discussioni sulla Carta dei Servizi 2010-2011 di Trenitalia . Confconsumatori, come le altre 12 associazioni firmatarie del protocollo d’intesa, sono di nuovo state convocate a Roma il 1 dicembre per trovare un accordo sulla stesura della carta stessa.

Continua anche l’operato di Confconsumatori nella Conciliazione Paritetica, che consiste nell’adottare strumenti conciliativi per facilitare le controversie tre i clienti e Trenitalia . I moduli per avviare la conciliazione si trovano on-line sul sito di Trenitalia (nella sezione Assistenza Clienti) oppure nelle sedi delle associazioni  firmatarie del protocollo. " Quando il reclamo non ha avuto risposta soddisfacente  – spiega Enzo Benda – o lo stesso non ha avuto risposta entro 60 giorni, la nostra associazione è chiamata mensilmente a Roma per redimere le vertenze. Sia nel 2009 che nel 2010 abbiamo recuperato cifre molto importanti con la totale soddisfazione dei nostri assistiti. Per l’anno 2011 sono previste altre sedi conciliative, oltre a quella di Roma ci saranno sedi a Milano e Bari che insieme a quella di Firenze già operativa, completeranno il territorio nazionale. La Confconsumatori comunque e’ disponibile con i propri operatori a fornire a tutti ulteriori delucidazioni e informazioni in merito ".