Roma, 30 settembre 2008 – Ferrovie dello Stato e le Associazioni dei Consumatori (Adiconsum, ADOC, Adusbef, Assoutenti, Cittadinanzattiva Codici, Confconsumatori, Federconsumatori,  Movimento Consumatori e Movimento Difesa del Cittadino) hanno siglato il protocollo d’intesa che delinea le nuove procedure di conciliazione tra viaggiatori e Trenitalia .

L’intesa prevede la sperimentazione della procedura per 12 mesi a partire dal 1° gennaio 2009. Per ora riguarderà la linea commerciale Milano-Napoli , sulla quale si concentra circa il 35% dei reclami relativi al traffico passeggeri nazionale.

Rivolgendosi alle associazioni dei consumatori, i viaggiatori potranno ottenere assistenza nel percorso di conciliazione che si attiverà quando il normale reclamo, primo indispensabile passo, non abbia avuto esito soddisfacente o siano trascorsi 60 giorni, senza che il cliente abbia ricevuto alcuna risposta .

Le procedure per la risoluzione extragiudiziale delle singole controversie sono inoltre applicabili ai soli problemi riscontrati su Av, ES, Es City, Tbiz, IC, IC Plus . Restano escluse le problematiche relative alla pulizia, per volontà dell’azienda, in attesa che si completi la gara europea per l’assegnazione dei nuovi appalti.

Alla fine della sperimentazione l’accordo sarà esteso a tutte le tratte a media e lunga percorrenza . Per il trasporto regionale (e quindi il pendolarismo), Trenitalia si è impegnata a coinvolgere le Regioni che ogni anno stipulano con l’azienda i contratti di servizio, al fine di valutare la modalità per introdurre, anche in questo ambito, la pratica conciliativa.

Confconsumatori e le altre Associazioni hanno espresso il proprio apprezzamento per questo primo passo rappresentato dal protocollo di conciliazione, che dovrebbe avvicinare finalmente una grande azienda come Trenitalia ai suoi utenti-clienti.

Tuttavia, tutte le associazioni sottoscrittrici auspicano che l’accordo possa in futuro ampliarsi ai servizi di pulizia e alla puntualità dei treni, e che lo strumento della conciliazione sia esteso agli utenti dei treni regionali .