Parma, 30 ottobre 2023 – Pensando di essere stato contattato dalla sua banca tramite un SMS, un altro ignaro cittadino è caduto vittima di furto online, risoltosi positivamente grazie all’assistenza di Confconsumatori. L’uomo era stato invitato dalla sedicente banca a seguire alcune istruzioni per annullare un presunto “pagamento sospetto”. Purtroppo, non si trattava di un messaggio autentico, ma dell’ennesimo caso di SMS spoofing. I malviventi, fingendosi un ente noto alla vittima della truffa – come un istituto bancario o servizio postale – lo inducono a compiere operazioni con l’obiettivo di carpire i suoi dati bancari. Il protagonista della vicenda, letto l’SMS, ha seguito le indicazioni ricevute, senza però inserire alcuna password. Poco dopo, la brutta sorpresa: si è accorto che i ladri avevano effettuato un pagamento online di 1.050 euro a favore di un sito di scommesse estero, utilizzando la sua carta di credito.

MANCANZA DI SICUREZZA

Dopo una denuncia penale e un reclamo respinto dalla banca, il cittadino si è rivolto per assistenza agli esperti dello Sportello online di Confconsumatori. Con l’aiuto dell’associazione, è stato evidenziato davanti all’Arbitro Bancario Finanziario (Abf) che la transazione non era stata autenticata con il secondo fattore di sicurezza (password o OTP): sistemi che avrebbe tutelato l’utente, permettendogli di prevenire il furto.

LA DECISIONE DELL’ABF

Con la decisione n. 10039/23, l’Abf ha chiarito che la banca non ha saputo adeguatamente dimostrare quale metodo di autenticazione (password o OTP) fosse stato utilizzato per autorizzare la transazione fraudolenta. Pertanto, come già accaduto in situazioni simili con altri associati assistiti dallo Sportello online, l’istituto è stato condannato a rimborsare al cliente i 1.050 euro sottratti con l’inganno.

Per ulteriori informazioni e per ricevere assistenza totalmente a distanza in materia di truffe bancarie digitali è possibile contattare lo Sportello online di Confconsumatori all’indirizzo www.confconsumatori.it/spiegaci-il-tuo-problema/.

 

Leggi la decisione dell’Abf