Catania, 21 ottobre 2013 – L'approvazione della proposta di concordato proposta da Windjet dimostra come abbia vinto il partito di tutti coloro, banche ed imprese titolari dei maggiori crediti, che temevano la dichiarazione di fallimento, che sarebbe senz’altro derivata dalla mancata approvazione del piano. In caso di fallimento, infatti, tutti i pagamenti ricevuti, da parte di Windjet nell'anno precedente la dichiarazione di fallimento, sarebbero stati oggetto di azione revocatoria con la conseguente restituzione delle relative somme alla curatela.

« Evidentemente – commenta l' avv. Carmelo Cal ì , responsabile nazionale Turismo e Trasporti di Confconsumatori – questi soggetti, temendo di dover fare i conti con le azioni revocatorie, che sarebbero state proposte nei loro confronti, hanno fatto di tutto per evitare che ciò accadesse. Votando a favore del concordato o, semplicemente, non votando, che equivale a voto favorevole. E, quindi, per salvare se stesse dalla restituzione delle predette somme, hanno salvato Windjet . Non si può spiegare in altro modo l'accettazione di un piano, che prevede il pagamento del solo 5%. Adesso per costoro le somme recuperate sono di gran lunga superiori e pari a ciò che hanno incassato appunto nell'ultimo anno ».

Ancora una volta a pagare sono solo ed esclusivamente i consumatori-passeggeri , tra cui moltissimi studenti e lavoratori fuori sede, che avevano acquistato i biglietti ed i carnet della compagnia low cost per tornare a casa, oltre a coloro, che hanno avuto rovinate le vacanze di agosto attese per un anno.

Ma la questione non può certamente dirsi chiusa. Infatti se dall'indagine della Procura della Repubblica di Catania dovesse scaturire un rinvio a giudizio inviteremo i passeggeri a costituirsi parte civile nel relativo procedimento penale, oltre che a costituirci come associazione.

« Anche per noi la strada del fallimento era quella da scongiurare – commenta l’avvocato Calì – ma ciò doveva avvenire attraverso una nuova proposta di piano che prevedesse risarcimenti congrui per i passeggeri. Ma l'incomprensibile non voto ha portato ad una approvazione che non abbiamo accettato sin dall'inizio».

Info: 340-7289212