Malasanità al San Rocco: Confconsumatori in campo Ennesimo caso di malasanità in provincia di Caserta. Confconsumatori metterà a disposizione l’esperienza maturata a livello nazionale

print

Caserta, 11 giugno 2019 – Confconsumatori è pronta a costituire l’associazione ed eventuali pazienti danneggiati come parte civile nel processo che potrebbe incardinarsi riguardo lo scandalo per assenteismo dell’ospedale San Rocco di Sessa Aurunca, in provincia di Caserta. Come riportato dalla stampa il Pm presso la Procura di Santa Maria Capua Vetere, dott.ssa Capone, ha concluso le indagini preliminari a carico dei medici, infermieri ed amministrativi ben 28 indagati, coinvolti nello scandalo.

I fatti sono giunti anche alla ribalta nazionale con servizi televisivi realizzati dalla trasmissione televisiva “Le Iene”. Confconsumatori segue da anni casi di malasanità in tutta Italia e si costituirà parte civile nel caso in cui si giunga al processo, in rappresentanza della collettività dei cittadini e pazienti danneggiati dalle condotte degli indagati. Per questo l’associazione ha già provveduto alla nomina di un proprio legale di fiducia nella persona dell’avvocato Lorenzo Montecuollo. Confconsumatori, inoltre, interverrà anche in favore dei singoli cittadini, laddove ce ne fossero le condizioni e in caso avessero subito danni dalle condotte oggetto di indagine.

«La Procura ha confermato, nell’avviso di conclusione delle indagini, – riferisce l’avvocato Lorenzo Montecuolloanche l’ipotesi accusatoria di associazione per delinquere ed è facile quindi presagire il rinvio a giudizio per tutti gli indagati».

«L’associazione si è già costituita in passato in numerosi processi di malasanità che vanno dalla Sicilia alla Lombardia – afferma Mara Colla presidente nazionale – o in molti altri casi stiamo seguendo l’evolversi delle indagini, atteso che lo statuto dell’associazione annovera espressamente, tra le diverse finalità, anche quella afferente al diritto alla salute ed alla tutela del cittadino – paziente».