Milano, 3 maggio 2019 – Gli azionisti Saipem hanno tempo fino al 18 maggio per presentare la richiesta di costituzione di parte civile e sperare, così facendo, di avere un ristoro a seguito delle perdite subite. Il Gup del Tribunale di Milano, su istanza della Procura milanese, ha deciso di rinviare a giudizio i vertici di Saipem S.p.A. e lo stesso colosso petrolifero: saranno chiamati il prossimo 23 maggio dinanzi al Tribunale di Milano. Confconsumatori si costituirà parte civile e invita gli azionisti a fare altrettanto.

CHI PUO’ COSTITUIRSI – Secondo l’accusa negli anni 2012 e 2013 gli imputati avrebbero manipolato le comunicazioni sociali occultando perdite e debiti per diverse centinaia di milioni di euro, nonché ostacolando la vigilanza di Consob. Per questo motivo Confconsumatori ricorda a tutti gli azionisti che almeno sino alla data del 30 aprile 2013 avevano azioni della Saipem ad avviare la richiesta di costituzione di parte civile chiedendo, così, agli imputati il rimborso delle perdite subite e del danno morale conseguente alla perdita del loro risparmio.

COME FARE – Il termine ultimo per presentare la domanda di costituzione è quello della prima udienza prevista per il 23 maggio 2019 dinanzi al Tribunale di Milano. Per consentire ai legali di presentare le domande è necessario raccogliere e inviare entro il 18 maggio prossimo la documentazione necessaria:

  • Copia di un documento d’identità valido e del codice fiscale;
  • Copia della documentazione bancaria comprovante l’acquisto delle azioni;
  • Copia della documentazione bancaria comprovante l’attuale titolarità delle azioni o dell’avvenuta vendita.

Gli interessati, che non hanno ormai molto tempo, potranno rivolgersi direttamente presso le sedi territoriali della Confconsumatori i cui recapiti sono disponibili a questo link: https://www.confconsumatori.it/gli-sportelli-di-confconsumatori/. Per chi non ha una sede territoriale vicina al luogo di residenza potrà rivolgersi direttamente sede nazionale di Confconsumatori alla casella di posta elettronica risparmio@confconsumatori.it o 0521/231846.