Così si è pronunciata la Corte Costituzionale nel giugno 2002: "Il canone si deve pagare in virtù del semplice possesso di un televisore".

Viene riaffermata la legittimità costituzionale delle norme che prevedono l’obbligo del pagamento del canone in base al semplice presupposto del possesso del televisore, indipendentemente dalla utilizzazione dell’apparecchio a fini "televisivi" e dalla effettiva ricezione dei programmi.

Visualizza la sentenza della Corte Costituzionale.