Parma, 14 febbraio 2024 – Gli animali domestici sono sicuramente da considerarsi appartenenti al nucleo familiare, ma è giusto anche ricordare che il rapporto con il veterinario risponde allo schema giuridico tipico tra consumatore e professionista. Per questo è utile essere consapevoli dei propri diritti e avere a disposizione strumenti di tutela in caso di disservizi o controversie.

I DISSERVIZI

Confconsumatori negli ultimi anni è stata contattata da tanti cittadini (associati e non) che lamentavano controversie nel rapporto con il proprio medico veterinario o con la clinica veterinaria, ad esempio in merito alla mancata consegna della cartella clinica, alla diagnosi comunicata semplicemente via messaggio o alla stipula di contratti di finanziamento per pagare esami inutili.

LA TUTELA

Da oggi, mercoledì 14 febbraio, Confconsumatori inaugura un servizio strutturato al fine di affrontare i casi di malasanità veterinaria, totalmente online, su questo sito al link https://confconsumatori.it/spiegaci-il-tuo-problema/.

Per il presidente nazionale di Confconsumatori, Marco Festelli, «la frontiera della tutela dei consumatori ha due ulteriori importanti finalità: far crescere la consapevolezza in capo ai “proprietari” di animali domestici dei loro diritti quali cittadini consumatori e verificare eventuali vulnus legislativi in materia di sanità veterinaria, ferma agli anni ’50, proponendo alle istituzioni riflessioni e modifiche di leggi e regolamenti».