Parma, 29 ottobre 2019 – Le Aziende e le Associazioni dei Consumatori aderenti al Manifesto per l’Energia del futuro hanno risposto al processo di consultazione dell’Arera, conclusosi ieri, accogliendo positivamente gli obiettivi che il Regolatore intende raggiungere e offrendo le proprie considerazioni rispetto ai meccanismi di dettaglio operativo ipotizzati per il loro raggiungimento.

I tempi per rispettare l’obiettivo del 1° luglio 2020 sono sempre più stretti. In questo senso il Manifesto sostiene con forza la necessità di una rapida adozione di misure concrete che possano accompagnare in modo proficuo ed equilibrato il consumatore nel percorso di ingresso al mercato libero.

Da sempre le 9 Associazioni dei consumatori e le 5 aziende del Manifesto ritengono che la Legge Concorrenza e le misure in questa contenute costituiscano per il consumatore una reale opportunità.

La concorrenza in altri settori ha dato vita a un processo virtuoso, stimolando gli investimenti e rendendo più convenienti e innovativi molti beni e servizi. Il completamento del processo di liberalizzazione iniziato nel settore energia venti anni fa può assicurare ai consumatori maggior trasparenza, prezzi più competitivi e servizi più efficienti.